Mille azioni per il futuro

Partecipa alla campagna straordinaria di ricapitalizzazione della cooperativa

Perché diventare socio di Altreconomia?
Leggi il nostro manifesto

Altreconomia e la campagna straordinaria

Un progetto di informazione indipendente.
Altreconomia nasce nel 1999 da un gruppo di giornalisti e realtà della società civile e dell’economia solidale, con l’obiettivo di affrontare attraverso gli strumenti del giornalismo d’inchiesta i grandi temi economici e sociali. Nel 2007 si trasforma in cooperativa. Non ha padroni, perché è proprietà collettiva di 653 soci e lettori, tra cui 50 realtà dell’economia solidale, molte del fair trade italiano. Ha scelto inoltre di limitare la pubblicità a pochi inserzionisti etici. Un caso pressoché unico in Italia.

Chi siamo e che cosa facciamo.
Siamo otto soci lavoratori, una redazione di giornalisti professionisti, un editor, un art director, responsabile promozione, segreteria, amministrazione e magazzino. Pubblichiamo da 20 anni senza alcuna interruzione “Altreconomia”, rivista mensile giunta al numero 226 e circa 15 libri all’anno, saggi, manuali e guide distribuiti in libreria e nelle botteghe del commercio equo e solidale. Proponiamo al non profit servizi editoriali, di comunicazione e ufficio stampa. Dal 2015 offriamo alle scuole percorsi di educazione e informazione sui temi della finanza, dell’economia e dei diritti.

I numeri di Altreconomia.
La rivista -72 pagine, 11 numeri l’anno- conta oggi 6.000 abbonati (tra cartaceo e digitale). È distribuita in oltre 150 botteghe del commercio equo e solidale, da una rete di venditori di strada in Lombardia e attraverso il sito altreconomia.it. La casa editrice, dal 1999 a oggi, ha pubblicato circa 250 libri -saggi, guide e manuali- tra versione cartacea ed e-book. La comunità dei lettori è composta da oltre 100mila utenti unici mensili sul sito, 40mila iscritti alla newsletter, altri 100mila iscritti alle diverse pagine social.

Una voce chiara.
Altreconomia racconta da sempre un’economia differente, ispirata a principi di giustizia sociale e ambientale: storie di fair trade, finanza etica, turismo responsabile, energie rinnovabili, mobilità sostenibile,

agricoltura bio, cooperazione, filiere virtuose e Gruppi di acquisto solidali. Una società fondata sulle relazioni e non sul denaro. Offriamo un tool kit per scegliere un consumo critico e responsabile e nuovi stili di vita, rispettosi delle persone e del Pianeta. Una voce chiara contro disuguaglianze, sfruttamento e devastazione dell’ecosistema, riconosciuta per la qualità e la coerenza.

“Mille azioni per il futuro”

Aderisci alla campagna “Mille azioni per il futuro”.
La nostra cooperativa ha deciso di lanciare una campagna straordinaria di ricapitalizzazione. Abbiamo infatti bisogno con urgenza di nuovi soci che vogliano diventare “proprietari dell’informazione indipendente”: l’attuale capitale sociale della cooperativa potrebbe non bastare a riequilibrare il bilancio di anni difficili, quelli alle spalle e quelli che ci aspettano. Insieme possiamo però trasformare una fisiologica fragilità in una piccola forza.

I prossimi tre anni.
Far fronte all’emergenza però non basta: puntiamo contestualmente a rilanciare il nostro “modello” sul lungo periodo. Forti di questa ricapitalizzazione, infatti, proseguiremo sulla strada della riorganizzazione della cooperativa avviata nel 2019. Il nostro piano strategico di sviluppo triennale punta ad accrescere sensibilmente il numero degli abbonati e dei lettori, promuovere sempre più la digitalizzazione dei prodotti, rafforzare i canali di distribuzionee quelli di ingaggio dei nostri soci.

Per garantire il futuro all’informazione indipendente occorrono “mille azioni”.
A chi ci legge -da una vita o da oggi- e non è ancora socio diciamo “il momento è ora”; a chi lo è già proponiamo di dare nuova linfa, aumentando la propria quota o attivandosi per raccogliere donazioni da terzi o invitare nuovi soci. La quota minima per le persone fisiche è 50 euro, ma si possono sottoscrivere più quote. Il nostro obiettivo è di raccogliere almeno 50mila euro.

Azionati!